Il linguaggio segreto delle code dei gatti: cosa stanno cercando di dirci?

RDA è il magazine che mette a conoscenza i lettori di ciò che succede nel mondo animale e lascia a loro disposizione un’informazione oggettiva dei fatti, che li tenga informati costantemente e correttamente.
gatto coda
Indice

Se avete un gatto o avete avuto l’opportunità di osservarne uno, di sicuro vi sarete accorti di quanto la sua coda sia importante per comunicare. La coda del gatto, infatti, non è solo un accessorio estetico, ma è una vera e propria estensione delle loro emozioni e, come tutti i segnali di linguaggio corporeo, va interpretato. È una sorta di barometro dell’umore dell’animale e può dirci tanto su cosa gli passa per la testa in un dato momento.

I gatti sono stati compagni fedeli dell’uomo fin dalla notte dei tempi, offrendo affetto, conforto e anche quel pizzico di mistero che li rende così affascinanti. Queste creature eleganti e indipendenti hanno sempre avuto un modo tutto loro di comunicare, spesso attraverso segnali sottili, che possono sfuggire a un occhio inesperto. 

Uno degli strumenti di comunicazione più potenti di un gatto è proprio la sua coda. Ma cosa sta realmente cercando di dirci quando la muove in un certo modo? Addentriamoci più a fondo nel mondo affascinante della comunicazione felina, esplorando i segreti nascosti dietro ogni movimento della coda del gatto.

Le posizioni base della coda svelano lo stato d’animo del gatto

Partiamo dalle basi analizzando le posizioni che il gatto assume con la coda quando è ferma. Queste ci rivelano molto sul suo umore generale e sul livello di sicurezza che percepisce nell’ambiente circostante.

  • Quando il micio tiene la coda dritta verso l’alto, sta esprimendo felicità e sicurezza. Si sente a proprio agio, rilassato e pronto ad interagire con noi. Un chiaro invito a giocare o a scambiare coccole.
  • Al contrario, una coda bassa o che pende tra le zampe posteriori indica timidezza, paura o insicurezza. Il gatto non si sente tranquillo nella situazione attuale e probabilmente preferisce stare per conto suo.
  • Se la coda è arricciata attorno al corpo o sulle zampe, significa che il micio è completamente sereno e rilassato. Magari si è appena svegliato da un pisolino o si sta per addormentare beatamente.
  • Infine, quando la coda è rigida, ritta o vibrante, il nostro amico è all’erta e pronto a reagire a qualche minaccia improvvisa. Meglio non infastidirlo finché non si calma!

I movimenti ritmici svelano concentrazione, frustrazione e altro

coda gatto

Oltre alle posizioni statiche, anche i movimenti ritmici e sinuosi della coda del gatto comunicano tanto sul suo stato d’animo. Eccone alcuni tra i più comuni:

  • Il classico scodinzolare, con la coda che si muove lateralmente, esprime felicità e voglia di interagire. Il micio ci sta salutando o chiedendo coccole.
  • Quando è concentrato su una preda, come un uccellino o un insetto, il gatto muove rapidamente solo la punta della coda. Il resto del corpo è fermo, mentre la codina vibra rivelando tutta la sua attenzione.
  • Al contrario, se il micio batte ripetutamente la coda per terra significa che è molto frustrato. Lasciamolo in pace finché non si sarà calmato, evitando di infastidirlo.
  • Un movimento circolare e sinuoso della coda indica che il gatto è in vena di giocare. Prepariamo un giocattolo interattivo per stimolare il suo istinto predatorio.

Le posture rivelano curiosità, tensione o voglia di giocare

Oltre a posizioni e movimenti, le posture che il micio assume con la coda ci svelano tanto sul suo stato emotivo. Eccone alcune tra le più comuni:

  • La coda a uncino, con la punta arricciata, indica un gatto rilassato ma comunque attento a ciò che lo circonda.
  • La coda a punto interrogativo, rivolta verso l’alto, significa che è molto curioso e interessato a un oggetto o persona.
  • La coda a tubo, tesamente ritta, rivela che il micio è all’erta e ha percepito un potenziale pericolo. Meglio controllare cosa lo ha insospettito.
  • La coda a S incurvata verso l’alto è tipica quando il gatto è pronto ad attaccare o a giocare. Prepariamoci a interagire con lui.

Come interpretare questi segnali per una migliore comunicazione

gatti coda

Imparare a decifrare il linguaggio della coda del gatto richiede familiarità e sensibilità nei confronti del nostro amico felino. Dobbiamo interpretare posizione, movimenti e posture per comprendere il suo stato emotivo e agire di conseguenza.

Ad esempio, se notiamo una coda bassa e nascosta, evitiamo di disturbare il gatto. Al contrario, una codina vibrante verso l’alto è un chiaro invito a giocare e interagire.

Ogni gatto ha poi una sua personalità, quindi osserviamolo con attenzione per capire quali segnali sono tipici delle sue abitudini. In questo modo potremo comunicare al meglio e rafforzare il rapporto di fiducia con lui.

Le domande frequenti sul tema Il linguaggio segreto della coda del gatto: come interpretarla

Questa è la risposta alla domanda
Questa è la risposta alla domanda
Questa è la risposta alla domanda
Questa è la risposta alla domanda
Questa è la risposta alla domanda
Pensi che questo contenuto sia utile? Condividilo!
Articoli Correlati
Tartarughe domestiche: guida alle diverse specie
Come si diventa istruttore cinofilo?
Qual è il tuo animale domestico ideale? Scopri come sceglierlo