fbpx
Sei un Tecnico Veterinario? Accedi all'area dedicata a te!
Leggi e Normative

Cani in spiaggia: cosa dice la legge

La legge consente di portare il cane in spiaggia, a patto che si seguano determinate regole: vediamo le più importanti.

Cani in spiaggia: cosa dice la legge 5 Luglio 2021Leave a comment
Maria Iniziato

Copywriter, ghostwriter e traduttrice freelance. Appassionata di arte, letteratura ed enogastronomia, scrivo anche di cibo su Dissapore e Info Food, di arredo e design su homify e di viaggi, musica, cinema, salute e benessere in giro per il web.

cane in spiaggia

Andare in vacanza con i nostri amici a quattro zampe non è sempre un divertimento, poiché non tutti accettano i cani in spiaggia. Se siete tra coloro che non vogliono rinunciare a una giornata al mare con i propri animali, allora è bene conoscere cosa dice la legge sulla presenza dei cani sulle spiagge italiane.

La legge che regolamenta l’accesso dei cani sulle spiagge

In realtà, non esiste una vera e propria legge che regolamenta l’accesso dei cani sulle spiagge libere, per cui bisogna adottare le regole che valgono per qualsiasi luogo pubblico. Non essendoci alcun divieto specifico, in teoria l’animale è libero di andare al mare e fare il bagno nelle acque demaniali e voi non correte il rischio di ricevere una sanzione amministrativa. Certo, è sempre bene informarsi su eventuali regolamenti o ordinanze comunali o regionali che vietano o limitano l’accesso in spiaggia libera da parte di animali. Tali divieti o limitazioni devono essere segnalati con appositi cartelli che facciano riferimento al decreto, alla legge regionale o all’ordinanza comunale o della guardia costiera.

Quello che bisogna sapere è che in una spiaggia pubblica i cani devono avere guinzaglio e museruola, nel rispetto degli altri bagnanti. Non dimenticate di portare con voi paletta e sacchetti per raccogliere le deiezioni dell’animale e gli eventuali documenti.

In acqua, il cane può fare il bagno senza limitazioni ma in spiaggia è obbligatorio tenerlo con voi sotto l’ombrellone. Cane e padrone possono altresì passeggiare sulla battigia senza però attardarsi, sostare o marciare incessantemente avanti e indietro nello stesso tratto.

Diverso il discorso per le spiagge private, vale a dire date in concessione a un privato che può impedire l’accesso agli animali nel proprio stabilimento balneare o, al contrario, chiedere al Comune l’autorizzazione per consentirne la presenza.

Se state cercando uno stabilimento pet-friendly, dovete cercare attentamente perché sono poco più di un centinaio in tutta Italia. Molto più semplice portare il vostro cane in una spiaggia libera, facendo attenzione a eventuali divieti locali. 

In caso di divieto, tenete sempre presente che i cani guida per non vedenti sono sempre ammessi, così come pure i cani da salvataggio.

Nel caso in cui si dovesse infrangere un divieto, le sanzioni vanno da un minimo di 150 euro a un massimo di 400 euro.

cane spiaggia

Consigli per una giornata al mare con il cane

Anche per i nostri amici a quattro zampe vale la regola di non andare in spuaggia nelle ore più calde (dalle 11 alle 16), per evitare scottature ai polpastrelli o un’insolazione. Abbiamo già visto che i cani non abbassano la temperatura corporea attraverso la sudorazione come noi esseri umani, quindi è bene portare sempre dell’acqua fresca per dissetarlo e avere a disposizione un posto all’ombra dove l’animale possa trovare riparo se necessario.

Cercate sempre una spiaggia pulita, perché spesso nella sabbia si nascondono insidie per il nostro fido: pezzetti di vetro, metalli taglienti, chiodi arrugginiti solo per citare i più comuni. Abituate anche il vostro cane fin da piccolo a non mangiare tutto quello che trova e a non bere l’acqua di mare, che può provocargli diarrea e una forte disidratazione.

Non lasciate a casa i suoi giochi preferiti, meglio se galleggianti o comunque resistenti all’acqua. Il gioco rafforza il rapporto tra cane e padrone ma attenzione alla presenza di altri cani in spiaggia, perché potrebbero nascere liti che rischiano di spaventare gli altri bagnanti. Il padrone è infatti sempre responsabile dai danni provocati dal proprio cane a cose o persone.

Una volta tornati a casa, abbiate cura di eliminare ogni traccia di sabbia e di sale dal pelo dell’animale, facendo molta attenzione ad asciugarlo completamente.

Andare al mare con il proprio cane in totale sicurezza è possibile, quindi munitevi di tutti i documenti e le precauzioni necessarie e partite con il vostro fido senza pensarci due volte!

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla newsletter
Maria Iniziato

Copywriter, ghostwriter e traduttrice freelance. Appassionata di arte, letteratura ed enogastronomia, scrivo anche di cibo su Dissapore e Info Food, di arredo e design su homify e di viaggi, musica, cinema, salute e benessere in giro per il web.

0 0 Voti
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Ti piace questo contenuto? Commentalo!x
()
x